Il territorio naturalistico


Il nostro territorio è caratterizzato da una morfologia basso-collinare, generalmente dolce, tipica di queste aree.

È il prodotto di un’azione erosiva regolare e continua su litologie a granulometria prevalentemente fine, incoerenti, facilmente erodibili. I rilievi sono poco elevati con versanti uniformi, debolmente inclinati e ben raccordati, e al fondovalle talora si osservano terrazzi orografici a bordo arrotondato. In corrispondenza dell’affioramento dei livelli conglomeratici e sabbiosi sono presenti forme più aspre con alvei incassati e brusche variazioni della pendenza dei versanti. Irregolarità nella morfologia dei versanti sono talvolta legate non a fattori litologici, ma a cause tettoniche: faglie distensive e fenomeni di basculamento determinano evidenti asimmetrie dei versanti con rotture di pendio, scarpate, contropendenze, discontinuità nello sviluppo dei terrazzi fluviali. Sono inoltre da segnalare paleostrutture quali antiche conoidi deltizie anche di notevoli dimensioni, paleoalvei e i relitti di antiche linee displuviali evidenziate da allineamenti di cocuzzoli e da selle, abbandonate per effetto dell’erosione regressiva delle testate dei corsi d’acqua.

Le aree pianeggianti si caratterizzano per la morfologia suborizzontale o debolmente inclinata, dolci rotture di pendio in corrispondenza dei bordi frequentemente caratterizzati dalla presenza di più ordini di terrazzi fluviali, con frequenti conoidi alluvionali allo sbocco dei corsi d’acqua nella valle. Anche in queste aree sono rilevabili antiche strutture sedimentarie quali paleoalvei e paleoconoidi.