Gastronomia


La gastronomia conserva usanze e tradizioni quasi sempre legate alle stagioni o  al lavoro dei campi, alle quali le varie comunità erano solite associare piatti speciali, le cui ricette nel tempo sono diventate un patrimonio di conoscenze.

Una grande Varietà di piatti tipici e tradizionali è proposta nella cucina familiare, nei ristoranti e negli agriturismi del nostro territorio dove si preparano ancora oggi piatti genuini e particolari. È tipica la bruschetta classica, a base di pane affettato, aglio, sale e olio, o quella al tartufo. La “torta al testo” o la “schiacciata” alla cipolla, alla salvia, al rosmarino e “la torta pasquale” al formaggio, sono le specialità più semplici della cucina locale che spesso vengono accompagnate dalla “barbozza” alla salvia. Vanno ricordate le tipiche minestre con battuto (lardo ridotto in poltiglia) alle patate, ai ceci o con fagioli e “codiche”, le zuppe di legumi e quelle di farro. Gli immancabili piatti delle feste nelle nostre mense sono i “Cappelletti” in brodo di gallina, i “ravioli” preparati con sfoglie di pasta farcite con erba campagnola e ricotta. Come secondi piatti sono da non perdere le “cotiche con fagioli” e “la coratella d’agnello”. Ottime le carni alla brace provenienti da allevamenti locali e immancabile la cacciagione. La porchetta al forno, con aglio, pepe e finocchio selvatico è il tripudio delle sagre, insieme alle salsicce alla brace o in umido con i fagioli, dei fegatelli allo spiedo, imprigionati tra foglie di alloro ed un dado di guanciola.

In inverno piatto unico per grandi appetiti è la polenta con il sugo di salsicce intere servita sulla “spianatora”, una tavola di legno da cui mangiano direttamente i membri della famiglia e gli ospiti.

In inverno maturano tutti gli insaccati e per primi i cotechini di Natale e Capodanno, i salami, la lonza, il capocollo, la guanciola pepata, la pancetta arrotolata e il prosciutto. Tutti i salumi, posti tra due fette di pane, hanno rappresentato un riferimento sicuro per merende e scampagnate.

Ricca è la tradizione delle frittate e delle Verdure. I formaggi caratteristici sono la Caciotta semplice o al tartufo e il pecorino, che è possibile gustare sia come formaggio da tavola sia grattugiato dopo un anno di stagionatura.


La preparazione dei dolci, di grande varietà e qualità, è legata alle tradizioni e alle ricorrenze religiose. Particolarmente gustosi sono i maccheroni dolci per le festività dei Santi e del Natale, “le frappe”, e le “castagnole” che si è soliti offrire a carnevale, nonchè le torte dolci pasquali.


I nostri boschi e prati nel periodo autunnale, con il ritorno delle piogge, si arricchiscono di saporosi funghi. Si raccolgono porcini, ovole, galletti, biette, pratarelli, chiodini, famigliole, torrini e spignoli; oltre ad asparagi selvatici, ribes neri e rossi, fragole, lamponi, more, cornioli, abbondano un po’ ovunque. Nel territorio sono anche presenti tutte le specie di tartufo nero e il celeberrimo tartufo bianco (Tuber Magnatum Pico).

Le varietà floristiche dei campi, degli incolti e della montagna favoriscono la produzione di mieli mono e multiflora di piante tipiche locali. Le varietà dei pollini che si ritrovano nei nostri mieli indica che tutte le stagioni presentano una abbondanza di fioriture tali da assicurare ottime produzioni.